news
Pomodoro, la soddisfazione di Acerbi: "Sarà un'ottima campagna"
08/07/2021

Pomodoro, la soddisfazione di Acerbi: "Sarà un'ottima campagna"

Il 20 giugno è una delle classiche date per coloro che coltivano pomodori in quanto è proprio in questo periodo che si inizia a raccogliere i frutti di questa pianta, ma quest'anno la raccolta è posticipata di qualche giorno: "Credo che inizieremo le attività fra una decina di giorni - ci spiega Stefano Acerbi, imprenditore nel settore del pomodoro - e abbiamo ottime sensazioni per la campagna di quest'anno". Il riferimento di Acerbi è al clima: "Nonostante il periodo dei trapianti sia stato accompagnato da un clima abbastanza freddo - ci spiega Acerbi - oggi non potremmo richiedere temperature migliori, soprattutto dopo una primavera che si è manifestata con giornate miti ed un periodo di fioritura eccezionale. A ciò, si aggiunge che il pomodoro matura molto bene se nella sua fase finale cresce con escursioni termiche importanti tra il dì e la notte, proprio come sta avvenendo negli ultimi due mesi. Inoltre, non piovendo da tanti giorni, il prodotto non presenta malattie o difficoltà, ma al contrario constatiamo un'ottima qualità del prodotto". In riferimento al mercato, Stefano Acerbi aggiunge che "la situazione ora è sotto controllo e che l'unico problema che si potrebbe prospettare è una sovraproduzione importante che potrebbe mettere in crisi le industrie nelle fasi di lavorazione dei pomodori, ma per ora è inutile lanciare falsi allarmismi". Acerbi, quindi, ritorna sulla situazione climatica attuale: "Era tanto tempo che non avevamo un clima così ideale e siamo contenti di raccogliere i frutti dei nostri sacrifici quotidiani ed offrire alle industrie e quindi al consumatore finale prodotti di ottima qualità".