news
Pomodoro, Ferrari: “Campagna  positiva, ma il prezzo non soddisfa”
07/09/2021

Pomodoro, Ferrari: “Campagna positiva, ma il prezzo non soddisfa”

La campagna del pomodoro è iniziata con un leggero ritardo quest’anno, ma le notizie non sono molto positive per gli agricoltori di questo specifico settore dell’agroalimentare italiano. “A causa di una primavera fredda – ci spiega Corrado Ferrari – i primi trapianti hanno sofferto molto e la raccolta è iniziata solo il 27 luglio per poi procedere secondo quanto avevamo previsto”. Ciò che ha colto di sorpresa i coltivatori di pomodoro è stata la pesante grandinata che si è abbattuta ad inizio di agosto sull’Emilia-Romagna e che ha causato la perdita di quasi 900 mila quintali di prodotto, distruggendo di fatto intere partite di pomodoro e riducendone tante altre anche in termini di qualità. “Per questo improvviso evento atmosferico – ha continuato Ferrari – parte del prodotto si è deprezzato e ci sono stati numerosi ritardi sul programma di consegne all’industria, oltre a creare un evidente problema di approvvigionamento”. Inoltre, c’è una difficoltà ulteriore: “Ad oggi ci troviamo di fronte ad un accavallamento di tempistiche – prosegue l’agricoltore mantovano – in quanto dobbiamo gestire uno sfasamento di alcune settimane in avanti per i trapianti ed un anticipo degli impianti di maggio e quindi abbiamo una concentrazione di maturazione del prodotto. Confidiamo nel fatto che la programmazione delle coltivazioni possa essere seguita da una scalarità della produzione dell’industria”. Infine, in riferimento al riconoscimento eco-nomico, Corrado Ferrari, è perentorio: “Nonostante abbiamo ottenuto 40 centesimi in più rispetto all’anno scorso, il prezzo che ci viene riconosciuto è inferiore alle nostre richieste in considerazione dell’aumento considerevole dei costi, tra i quali quelli assicurativi, dei mezzi agricoli, del gasolio e dei concimi, oltre al fatto che ci è stato tagliato il contributo europeo in relazione all’impiego della manichetta”. Il grado brix rimane molto positivo grazie alle temperature elevate, anche se sono previste piogge nel prossimo futuro che potrebbero abbassare il livello degli zuccheri nel pomodoro.