news
Soddisfazione di Confagricoltura per la costituzione del Consorzio di Garanzia del Suino Italiano
09.02.2017

Soddisfazione di Confagricoltura per la costituzione del Consorzio di Garanzia del Suino Italiano

Soddisfazione di Confagricoltura per la costituzione del Consorzio di Garanzia del Suino Italiano

Confagricoltura Lombardia esprime viva soddisfazione per la costituzione del Consorzio di Garanzia del Suino Italiano che ha avuto luogo a Manerbio, in provincia di Brescia, in data odierna.

"Il Consorzio è la risposta che attendevano sia gli allevatori sia i consumatori" ha dichiarato Matteo Lasagna, presidente di Confagricoltura Lombardia. " I primi vedranno così riconosciuta la qualità dei propri suini, che sono nati e cresciuti in Italia. I secondi potranno invece contare su una maggiore sicurezza alimentare. La nostra Associazione continuerà ad assicurare alla neonata struttura aggregativa il massimo sostegno, sia tecnico che sindacale, certa che gli allevatori che entreranno a farvi parte sapranno valorizzarla, allargandone l’adesione a molte altre aziende del settore ".

La costituzione del Consorzio è divenuta ufficiale attraverso la firma dell'atto costitutivo in data 9 febbraio presso lo Studio Notarile del dott. Massimo Bertolucci a Mantova. Tra gli ospiti presenti, anche Mario Guidi, presidente di Confagricoltura. Attualmente sono una cinquantina gli allevatori che hanno già aderito ma è assolutamente lecito aspettarsi che il numero sia destinato ad aumentare. E con esso, anche quello dei suini inseriti in questo circuito tutelato.

Soddisfatto è anche Serafino Valtulini, presidente della FRP Allevamento suini di Confagricoltura Lombardia: “Il Consorzio rappresenterà indubbiamente un importante strumento per affermare la diversità della carne italiana rispetto a quella europea e ancor di più quella mondiale”. Secondo Valtulini, infatti, “è indispensabile che questa differenza sia percepibile fra tutti gli anelli della filiera fino ad arrivare al consumatore finale”. Inoltre, “diventa strategica la collaborazione tra soggetti diversi, quali possono essere ad esempio Confagricoltura, Prosus, Assocom e Opas, garantendo così un incredibile supporto a livello sindacale. Con benefiche conseguenze anche su una migliore comunicazione del comparto in un momento – come quello attuale – in cui è messo sotto attacco da vegetariani e vegani”.

La produzione suinicola aderente al Consorzio di Garanzia del Suino Italiano sarà riconoscibile grazie a un marchio attualmente allo studio e verrà promossa sul mercato attraverso un’azione di marketing che metterà al centro l’italianità e la qualità che ne deriva.