news
Confagricoltura Brescia: Garbelli confermato presidente
30 Aprile 2022

Confagricoltura Brescia: Garbelli confermato presidente

Conferma all'unanimità per Giovanni Garbelli, rieletto venerdì alla guida dell'organizzazione per il prossimo triennio dal nuovo Consiglio dell'unio-ne provinciale di Brescia.
 
"Intendiamo proseguire il lavoro avviato negli scorsi anni, che ha visto rafforzare la rappresentatività della nostra organizzazione, con un rinnovato rapporto con i soci, con la politica e le istituzioni”, ha dichiarato Garbelli, cerealicoltore di Orzinuovi e presidente della Frp cereali alimentari.
 
“Un’azione volta a innovare anche le nostre strutture, che ci ha permesso di continuare a essere un vero punto di riferimento professionale, tecnico e politico-sindacale per gli agricoltori bresciani e non solo. La visione di lungo respiro dell’ultimo triennio ci ha permesso di rafforzarci, affermarci e investire. L’unio-ne deve essere forte, salda e autonoma per supportare al meglio le aziende nei nuovi percorsi”.
 
Tra le sfide del triennio, spiccano quella di accompagnare le imprese agricole nel processo di digitalizzazione, il Pnrr, la nuova Pac, la necessità di produrre di più applicando le tecniche dell’intensificazione sostenibile e sbloccando le Nbt. Altri temi forti saranno la gestione dell’acqua, l’ambiente, la bioeconomia e – naturalmente - il supporto a tutti i comparti legati alla zootecnia e alle produzioni, con attenzione agli strumenti per affrontare i cambiamenti climatici.
 
Congratulazioni a Giovanni Garbelli, “a nome mio personale e di tutti i colleghi di Confagricoltura Lombardia”, sono state espresse dal presidente regionale Riccardo Crotti. “Auguro all'amico Giovanni ed all'unio-ne di Brescia buon lavoro, nella consapevolezza del delicato e fondamentale impegno che ci accomuna: lo sforzo costante di garantire un presente solido ed un futuro prospero alle imprese associate ed alla loro capacità di rappresentanza a tutti i livelli istituzionali ed economici. Una battaglia da condurre insieme”.