news
Agriturismi, arriva il via libera all’attività di pernottamento: “Un risultato ottenuto grazie all’azione sindacale di Confagricoltura”
09/05/2020

Agriturismi, arriva il via libera all’attività di pernottamento: “Un risultato ottenuto grazie all’azione sindacale di Confagricoltura”

LA PRECISAZIONE DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Agriturismi, arriva il via libera all’attività di pernottamento: “Un risultato ottenuto grazie all’azione sindacale di Confagricoltura”
Il presidente degli agriturismi di Confagricoltura Lombardia, Gianluigi Vimercati: “Nei giorni scorsi avevamo ripetutamente evidenziato la palese disparità presente tra gli agriturismi e le strutture alberghiere per quanto riguarda l’avvio di questa Fase 2”

Il presidente degli agriturismi di Confagricoltura Lombardia, Gianluigi Vimercati, esprime grande soddisfazione per via libera ottenuto oggi dal settore per quanto riguarda le attività di pernottamento. Il chiarimento è stato pubblicato sul sito della presidenza del Consiglio dei ministri, nella sezione delle Faq (domande frequenti) relative alla Fase 2. Alla domanda se alberghi, bed & breakfast ed altre strutture ricettive debbano restare chiuse, viene specificato infatti che “possono proseguire la loro attività”, anche se per ora, ovviamente, “esclusivamente per le persone autorizzate a spostarsi secondo le normative vigenti e sempre nel rispetto delle prescrizioni igienico-sanitarie e della distanza interpersonale, evitando comunque di causare assembramenti negli spazi comuni o in prossimità degli accessi”. L’attività quindi è permessa per ospitare principalmente i lavoratori che sono ritornati in Lombardia con la ripresa del lavoro nelle imprese.
“Si tratta di una notizia molto importante che accogliamo con grande soddisfazione – spiega Vimercati –: è un risultato ottenuto grazie al lavoro sindacale di Confagricoltura che, nei giorni scorsi, aveva evidenziato la palese disparità presente tra gli agriturismi e le strutture alberghiere per quanto riguarda l’avvio di questa Fase 2: è stata così sanata una situazione che ci stava penalizzando fortemente perché le nostre strutture, in questo periodo, hanno ricevuto numerose richieste da parte di lavoratori che hanno bisogno di luoghi in cui pernottare, possibilimente isolati e funzionali proprio al mantenimento della distanza sociale. Ora anche noi – conclude il presidente degli agriturismi di Confagricoltura Lombardia - possiamo cominciare a riprendere la nostra attività e a guardare con più fiducia al futuro, dal momento che disponiamo di ampi spazi all’aperto, che facilitano la possibilità di operare in sicurezza, nel rispetto di tutte le normative per evitare la diffusione del contagio”.