news
Palestra in agriturismo
10.10.2018

Palestra in agriturismo

Non esistono norme specifiche che vietino o disciplinino nel dettaglio l'allestimento di un locale con attrezzi ginnici nell'ambito di una azienda agrituristica, messo a disposizione delle sole persone alloggiate. Tale servizio può essere realizzato adottando ragionevole attenzione per la sicurezza e la salute degli ospiti: - locale ben illuminato e aerato, - facilità di movimento delle persone (un attrezzo ogni 4-5 mq di superficie), - attrezzi dotati delle necessarie garanzie di sicurezza, - scelta di attrezzi idonei al benessere del movimento, che non consentano sforzi rilevanti e non richiedano, di conseguenza, l'assistenza di personale specializzato o certificazioni mediche. In generale i Comuni non prevedono specifiche autorizzazioni per questo tipo di servizio annesso alle strutture ricettive turistiche e riservato ai loro ospiti. Occorre tuttavia verificare, presso il proprio Comune se, con riferimento all'autorizzazione agrituristica già rilasciata, sono previste ulteriori formalità (es. integrazione dell’autorizzazione) e regole per la realizzazione della piccola palestra. È anche opportuno consultare la locale autorità sanitaria (ATS) in merito all'eventuale rilascio dell'autorizzazione sanitaria per il locale e le attrezzature. Per tutelarsi in caso di incidenti è inoltre consigliabile sottoscrivere una polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi (meglio se relativa all'attività agrituristica nel suo complesso) che interverrebbe nel pagamento di eventuali danni lamentati dagli ospiti e riconducibili a responsabilità dell’azienda ospitante (es. attrezzo in cattivo stato di manutenzione, attrezzo ginnico ritenuto non idoneo all'uso da parte di persone senza specifica preparazione atletica, ecc.). Occorre poi sempre verificare che la palestra sia compresa fra i rischi oggetto della polizza assicurativa stipulata. Essendo il servizio di palestra accessorio rispetto all’offerta di alloggio agrituristico, per esso non è possibile richiedere agli ospiti un autonomo corrispettivo.