news
Alimentazione, agricoltura al centro
23.10.2018

Alimentazione, agricoltura al centro

La giornata mondiale indetta dall’Onu. Il presidente Anga Marinoni: «Va tutelato il settore primario»

Alimentazione, agricoltura al centro

Si è celebrata la Giornata mondiale dell’alimentazione, promossa dall’Oraganizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), per sensibilizzare sull’obiettivo «Fame Zero» da raggiungere entro il 2030. «Si tratta di una giornata di riflessione molto importante - dice Alessandro Marinoni, presidente di Anga Lombardia, il gruppo dei giovani di Confagricoltura Lombardia - che noi agricoltori intendiamo sottolineare poiché solo tutelando e sostenendo il settore primario sarà possibile raggiungere l’ambizioso traguardo proposto dalla Fao». In particolare, secondo Marinoni, «è necessario agevolare l’affermazione di modelli produttivi agricoli che siano nello stesso tempo sostenibili da un punto di vista ambientale ed efficaci sul fronte della resa, per garantire alle aziende la necessaria remunerazione e quindi un futuro». In questo senso, afferma il presidente regionale dell’Anga, «è opportuno agevolare la presenza in azienda dei giovani imprenditori agricoli, poiché proprio le giovani generazioni sono portatrici di innovazione e quindi di un’agricoltura sana, sostenibile, capace di utilizzare nel modo migliore tecnologia, ricerca e scienza applicate al settore primario». La giornata mondiale dell'alimentazione fu istituita dai paesi membri della FAO durante la ventesima Conferenza Generale dell'Organizzazione nel novembre 1979. La delegazione ungherese, guidata dall'ex ministro ungherese dell'Agricoltura e dell'Alimentazione Pál Romány, svolse un ruolo attivo durante tale Conferenza della FAO e suggerì l'idea di celebrare la giornata mondiale dell'alimentazione in tutto il mondo. Da allora la celebrazione viene osservata ogni anno in più di 150 nazioni, per sensibilizzare sulle problematiche della povertà, della fame e della malnutrizione nel mondo, sulla sicurezza alimentare e per diffondere diete nutrienti per tutti. L'obiettivo principale è incoraggiare le persone, a livello globale, ad agire contro questi problemi. Ogni anno viene messo in risalto un particolare tema sul quale vengono focalizzate le attività. Ricordiamo che nel mondo, ogni giorno, 7.000 bambini sotto i cinque anni muoiono per cause legate alla malnutrizione. Cinque ogni minuto. Bambine e bambini che, a casa loro, in paesi colpiti da carestie e siccità, afflitti dalla povertà estrema o dilaniati da guerre e conflitti, continuano a essere privati di cibo adeguato, acqua pulita. Giornate come queste aiutano a riportare sotto ai riflettori questi inquitanti dati affinché ognuno di noi si possa impegnare a favore di questa causa.