news
Vimercati: “Diamo un futuro al settore dell’ospitalità nelle aziende agricole attraverso la qualità dei servizi e la multifunzionalità”
28.01.2019

Vimercati: “Diamo un futuro al settore dell’ospitalità nelle aziende agricole attraverso la qualità dei servizi e la multifunzionalità”

GLI STATI GENERALI DELL’AGRITURISMO
Vimercati: “Diamo un futuro al settore dell’ospitalità nelle aziende agricole attraverso la qualità dei servizi e la multifunzionalità”
Il presidente di Agriturist Lombardia ha chiuso i lavori che si svolti nell’azienda Ricci Curbastro di Capriolo, in provincia di Brescia. L’assessore regionale Rolfi: “Dobbiamo fare un salto di qualità”
 
Grande partecipazione per gli “Stati generali dell’agriturismo” svoltisi questa mattina nella sede dell’azienda vitivinicola Ricci Curbastro, in provincia di Brescia, dove tecnici esperti del settore e rappresentanti politici hanno fatto il punto sull’offerta agrituristica attuale e sui possibili sviluppi del settore.
I saluti sono stati affidati ad Antonio Boselli, presidente di Confagricoltura Lombardia, che ha sottolineato l’importanza del settore per tutta l’economia lombardia, e a Riccardo Ricci Curbastro che ha presentato la situazione degli agriturismi in Lombardia, portando la sua esperienza diretta, per poi dare la parola al presidente di Confagricoltura Brescia e vicepresidente di Confagricoltura Lombardia Giovanni Garbelli: “Le aziende agrituristiche – ha detto - sono le ambasciatrici del nostro territorio e dei nostri prodotti”.
Tra i relatori, l’assessore regionale all’Agricoltura Fabio Rolfi ha rilevato come l’agriturismo oggi si trova davanti ad una sfida: “Siamo sempre più al centro delle scelte dei turisti e questo rappresenta una grande opportunità per le nostre aziende. Ora tuttavia dobbiamo fare un salto di qualità preparandoci sia in termini legislativi che di programmazione. I nostri punti fermi devono essere semplificare, dare certezze e offrire gli strumenti ai nostri agricoltori per diventare rappresentanti di ciò che il nostro territorio può offrire”.
Umberto Bertolasi, direttore di Confagricoltura Lombardia, ha ribadito come “sia sempre più difficile differenziare e caratterizzare l’offerta ma è proprio questa la sfida per le nostre aziende, ossia qualificare l’offerta e renderla unica”.
Sono seguiti gli interventi tecnici di Marina Ragni della Direzione generale Agricoltura di Regione Lombardia, Umberto Selmi di Ismea, Aldo Bonomi, direttore del Consorzio Aaster, Tullia Valsecchi, esperta in marketing turistico e Andrea Omizzolo, ricercatore Senior di Eurac Research, che hanno fatto una panoramica sulla situazione attuale degli agriturismi, sui loro maggiori competitor e sulle opportunità di crescita che la realtà attuale offre alle aziende.
È infine intervenuto l’europarlamentare Angelo Ciocca che ha evidenziato come uno compiti dei deputati europei sia proprio supportare e difendere gli interessi delle piccole aziende che rappresentano un’importantissima fetta della realtà italiana.
Le conclusioni sono state affidate al presidente di Agriturist Lombardia, Gianluigi Vimercati, che ha ringraziato il presidente Boselli e Confagricoltura Lombardia per aver creduto nell’opportunità di organizzare questo momento di confronto: “Noi siamo in Lombardia – ha continuato Vimercati -, siamo spesso a confronto con altre regioni ma credo sia importante crearci un’identità territoriale forte. C’è una legge in arrivo che va nella direzione che stiamo auspicando: finalmente potremo vendere in azienda fino al 49% dei prodotti agricoli locali, potremo veramente essere la vetrina del territorio, valorizzando la nostra agricoltura. Dopo la fase di consolidamento del comparto – ha concluso il presidente di Agriturist Lombardia – dobbiamo ora dare un futuro al settore attraverso la qualità dei servizi e la multifunzionalità, senza adagiarci sui risultati positivi raggiunti”.