news
Confagricoltura Lombardia incontra i candidati alle elezioni europee del 26 maggio: un dibattito sul futuro dell’agricoltura Ue
29/03/2019

Confagricoltura Lombardia incontra i candidati alle elezioni europee del 26 maggio: un dibattito sul futuro dell’agricoltura Ue

MARTEDÌ 2 APRILE ALLE ORE 16.30 ALLA FIERA DI CREMONA
Confagricoltura Lombardia incontra i candidati alle elezioni europee del 26 maggio: un dibattito sul futuro dell’agricoltura Ue
Il presidente Antonio Boselli: “Al mondo politico chiediamo un sostegno per valorizzare le nostre produzioni. Viviamo infatti il paradosso di un made in Italy ricercato nel mondo e di un’agricoltura nazionale in sofferenza”

Il prossimo 26 maggio si svolgeranno elezioni di fondamentale importanza per disegnare il futuro dell’Unione europea, segnate dalla competizione tra forze in campo che presentano visioni radicalmente contrapposte a proposito dell’idea stessa di Europa.
Il mondo dell’agricoltura guarda con grande interesse a questo appuntamento, consapevole di essere al centro dell’unica politica realmente comune: la PAC, che sarà rivista dopo il 2020.
Per questo motivo Confagricoltura Lombardia ha deciso di promuovere un confronto pubblico con i candidati alle elezioni europee.
L’appuntamento è per martedì 2 aprile, alle ore 16.30, alla Fiera di Cremona, nella Sala Stradivari.
Dopo l’introduzione di Antonio Boselli, presidente di Confagricoltura Lombardia, moderati dal giornalista Guido Lombardi, interverranno Angelo Ciocca (Lega), Lara Comi (Forza Italia), Carlo Fidanza (Fratelli d’Italia), Eleonora Evi (Movimento 5 Stelle) e Marco Carra (Partito democratico).

“Questo incontro – commenta il presidente Boselli - sarà un’occasione importante per conoscere da vicino le differenti visioni proposte da coloro che si candidano a rappresentarci a Strasburgo e a Bruxelles, dove saranno prese decisioni cruciali per il futuro dell’agricoltura europea. Non sarà affrontato solo il tema della Pac. Infatti – prosegue Boselli – in questo momento stiamo vivendo una situazione paradossale, con un made in Italy forte e ricercato nel mondo cui fa da contrappeso un’agricoltura nazionale che sta soffrendo per difficoltà economiche, burocratiche e legate all’incertezza generale. Le più importanti decisioni che interessano il nostro sistema – sottolinea il presidente di Confagricoltura Lombardia – passano da Bruxelles; ai rappresentanti politici quindi chiediamo di mettere i giusti paletti per una crescita comune del settore primario e dell’intero sistema agroalimentare: penso alle norme contro le pratiche sleali ma anche alle misure per valorizzare la distintività dei nostri prodotti. Proprio il mondo politico – dice Boselli – è chiamato a fare chiarezza su cosa sia davvero il made in Italy: noi riteniamo che sia il prodotto di una filiera e non ciò che viene trasformato in Italia usando materia prima che ha altre provenienze. Le istituzioni devono aiutarci a valorizzare le nostre produzioni, che si differenziano dalle commodities che arrivano dall’estero. Anche questi temi – conclude – saranno al centro del dibattito con i candidati all’Europarlamento”.