Le iniziative
Un defibrillatore in ogni azienda agrituristica: parte da Brescia  il progetto lanciato da Confagricoltura Lombardia & Agriturist
18.12.2018

Un defibrillatore in ogni azienda agrituristica: parte da Brescia il progetto lanciato da Confagricoltura Lombardia & Agriturist

L’INIZIATIVA DI SENSIBILIZZAZIONE SOTTO IL PERIODO NATALIZIO
Un defibrillatore in ogni azienda agrituristica: parte da Brescia  il progetto lanciato da Confagricoltura Lombardia & Agriturist
Il presidente della federazione degli agriturismi Lombardi e di Agriturist Lombardia, Gianluigi Vimercati, spiega l’iniziativa: “In occasione del Natale, doniamo questo dispositivo ad un azienda storica. Siamo partiti dalla provincia con più agriturismi, ma vogliamo arrivare in tutta la regione”

Spesso si associa l’importanza della presenza di un defibrillatore ad ambienti frequentati da sportivi, come se le alterazioni del ritmo della frequenza cardiaca arrivassero solo mentre si pratica attività motoria o si è sotto sforzo. Ogni anno in Italia, sono circa 57.000 le persone colpite da arresto cardiaco e l’utilizzo dei defibrillatore in tempo rapido riduce notevolmente la mortalità a breve e lungo termine. L’importanza del fattore tempo è confermato  dai numeri: per ogni minuto che scorre dopo un arresto cardiaco la possibilità di sopravvivenza si riduce del 10% se l’aritmia “maligna” non viene trattata con il defibrillatore. Grazie alla legge numero 120 del 2001, chiunque sappia usare il defibrillatore semiautomatico può intervenire ripristinando il ritmo cardiaco, in sicurezza,  in attesa dei soccorsi. Oggi, in tutte le piazze d’Italia, nelle strutture pubbliche e non, sono presenti colonnine salvavita contenenti il DAE, l’acronimo che sta per Defibrillatore Automatico Esterno.
Confagricoltura Lombardia con la propria sezione agrituristica, vuole essere promotrice della diffusione di questo dispositivo anche nelle aziende agricole, partendo dagli agriturismi che sono frequentati da clienti, bambini, escursionisti ed intere famiglie che godono di numerosi servizi tra cui la ristorazione (ricordiamo infatti che i pasti che possono essere erogati dalle aziende agrituristiche lombarde sono circa 45.000 all’anno). “Sono molto felice che sia Confagricoltura Lombardia sia Regione Lombardia abbiano creduto nel progetto di sensibilizzare ogni agriturismo nell’acquistare un defibrillatore salvavita - ha affermato Gianluigi Vimercati, presidente della federazione degli agriturismi Lombardi e di Agriturist Lombardia -: inzieremo questo cammino donandone uno in occasione del Natale a due giovani fratelli che conducono l’agriturismo L’Aquila Solitaria di Serle, nel Bresciano. Siamo partiti dalla provincia che vanta il maggior numero di agriturismi in Lombardia - ha concluso Vimercati -, ma vogliamo arrivare in tutta la regione”.
I numeri sono a favore di chi si schiera dalla parte della medicina e dell’innovazione: l’esperienza sul campo ci insegna infatti che su una ventina di interventi con questo mezzo si supera il 70% di persone sopravvissute dopo l’utilizzo, contro il 2% di salvataggi ottenuti con i soli massaggi cardiaci. “Per la nostra organizzazione, che da sempre si contraddistingue per rimanere al passo con la tecnologia e le indicazioni che arrivano dal mondo scientifico, è un onore poter dare il via a questa iniziativa - ha detto Antonio Boselli, presidente regionale di Confagricoltura - e non ci fermiamo qui: accogliamo con piacere l’idea proposta da Vimercati di proporre in ogni sede provinciale dell’Associazione almeno due incontri di approfondimento sull’uso del defibrillatore affinché si possa ottenere la licenza di utilizzo e si possano salvare vite umane in azienda”.
“Condivido lo spirito di questa iniziativa – ha dichiarato l’Assessore all’Agricoltura di Regione Lombardia Fabio Rolfi - . L’agriturismo è una meta sempre più apprezzata e frequentata sia dai lombardi che dai turisti, in dividersi periodi dell’anno e la Lombardia gode di una rete capillare apprezzata e in crescita. Per queste ragioni investire in sicurezza, formando anche del personale, significa anche aumentare ulteriormente gli standard qualitativi di offerta. La presenza di un defibrillatore può salvare vite umane. Nel 2019 come Regione daremo ulteriori strumenti crescita agli agriturismi lombardi.”

Di seguito vi riportiamo il numero degli agriturismi presenti su tutto il territorio lombardo: BERGAMO: 162, BRESCIA: 331, COMO: 143, CREMONA: 74, MANTOVA:  236, MILANO: 113, MONZA: 15, LECCO: 78, LODI: 33, PAVIA: 223, SONDRIO: 115, VARESE: 83 – TOTALE 1606